ops E' tempo di castagne! - mammebio.it
ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

logo di mammebio.it (torna alla homepage)

Alimentazione biologica sana e naturale.

E' tempo di castagne!

Un frutto nutriente, digeribile, gustoso e adatto anche ai celiaci. Quali castagne comprare.

Giovanni Pascoli lo definì "l'italico albero del pane": parliamo del castagno. Di cui in realtà esistono, non solo in Italia, oltre cento varietà. Ma tra quelle nostrane, ben dodici tipi sono talmente speciali da aver ottenuto il riconoscimento europeo: quattro si trovano in Toscana (Marrone del Mugello Igp, Marrone di Caprese Michelangelo Dop, Castagna del Monte Amiata Igp e Farina di Neccio della Garfagnana Dop), due in Campania (Castagna di Montella Igp e Marrone di Roccadaspide Igp) e in Veneto (Marrone di San Zeno Dop, Marroni del Monfenera Igp), uno in Emilia Romagna (Marrone di Castel del Rio Igp) e nel Lazio (Castagna di Vallerano Dop) e, per finire, ancora due in Piemonte (Castagna Cuneo Igp, Marrone della Valle di Susa Igp).

Un alimento nutriente e adatto a grandi e piccini
 

La castagna è un frutto composto per circa il 50% da acqua; l'altra parte del leone viene fatta dai carboidrati (45%), abbiamo poi proteine, grassi, fibre e ceneri; tra i minerali presenti: sodio, calcio, fosforo, magnesio, ferro, potassio, zinco, rame e manganese; e ci sono anche le vitamine: A, B1 , B2 , B3, B5, B6, B9, b12, C e D.
Questi frutti non contengono glutine e quindi possono entrare nell'alimentazione dei celiaci.

Se ben cotta, la castagna risulta essere molto digeribile
(diversamente può dare dei problemi); è utile in caso di anemia, inappetenza, per la stanchezza cronica o chi deve riprendere un po' di forze magari dopo un'influenza.
E, per la loro presenza di zuccheri complessi, sono un alimento alternativo per i bambini con intolleranze o allergie al latte.

Come cucinarle

  • Arrosto (dopo averle incise sul lato bombato metterle in una padella di ferro con il fondo forato e cuocerle o sul fuoco vivo o in forno per circa 30 minuti, dopo la cottura si consiglia di avvolgerle in un canovaccio umido)
  • Lesse (dopo averle lavate accuratamente, cuocerle in abbondante acqua salata per circa 40 minuti)
  • Cotte in latte e zucchero
  • Usate per particolari ripieni, nella preparazione di primi piatti o elaborati secondi a base di carne.

L'apporto calorico

100 grammi di castagne fresche danno 250 calorie; 130 calorie corrispondono a 100 grammi di castane bollite. La stessa quantità di caldarroste rende 190 calorie, se sono secche le calorie salgono a 290. Quanto ai marron glacè, diventano 390. D'altra parte sono un dolce, da gustare con misura.

Dove acquistare le castagne

Come fare per garantirsi un prodotto fresco, sicuro e a costi accessibili e non acquistare castagne di provenienza estera e di peggiore qualità? Il consiglio arriva dalla Coldiretti: "Meglio frequentare le sagre in programma in questi giorni in tutta Italia dove è possibile fare buoni acquisti di alta qualità oppure rivolgersi alle imprese agricole e riscoprire il gusto di partecipare nei boschi alla raccolta delle castagne".

Una fiaba sulle castagne

Una ricetta dolce con le castagne

Caldarroste speciali


 

20/10/2011

24/10/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti! Avvertenza privacy: raccomandiamo, nel postare messaggi, di prestare attenzione rischi connessi al fatto di rendersi identificabili sul web in relazione alla propria patologia. E questo anche alla luce della possibilita' che tali informazioni possano essere indicizzate dai motori di ricerca generalisti o conosciuti dalla generalita' degli utenti Internet e non dai soli iscritti al sito.

Altro su: "E' tempo di castagne!"

Sono celiaco, non malato!
La celiachia non deve essere considerata una malattia ma un'intolleranza che richiede un più attento stile di vita e alimentare. Un libro per saperne di più.
10 regole per evitare il sovrappeso
Il 35% dei bimbi italiani ha un peso superiore a quello che dovrebbe avere. Alimentazione sana e movimento devono entrare nelle abitudini quotidiane.
Viva la pappa col pomodoro!
La ricetta e un video, per cantare e mangiare con i nostri bambini.
Arriva il freddo, piatti caldi in tavola
Con il cambio di stagione e temperature si rende necessario cambiare anche il nostro modo di mangiare.
La sicurezza alimentare: una guida per i ragazzi
Linguaggio chiaro, semplice, efficace per questa guida sulla sicurezza alimentare preparata dal Ministero della Gioventù.
Sprechi. Il cibo che buttiamo, che distruggiamo, che potremmo utilizzare
Lo spreco di cibo è ormai un problema assai diffuso e una priorità non più procrastinabile dell'agenda ambientale.

MammeBio

MammeBio ti accompagna nella tua vita secondo natura.

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!