ops Preparazioni ottenute partendo da piante essicate - mammebio.it
ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

logo di mammebio.it (torna alla homepage)

Benessere psicofisico in armonia con la natura.

Preparazioni ottenute partendo da piante essiccate

Tisane, infusi, decotti, polveri, estratti fluidi, estratti secchi sono preparazioni ottenute da piante essicate.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Tisane

Sono ottenute per infusione, per decozione, per macerazione o anche, in certi casi, per semplice soluzione delle piante essiccate. Dato che le concentrazioni del o dei principi attivi non sono ben valutabili, non andrebbero usate.

Infusi

Si preparano aggiungendo, in un contenitore adatto, acqua bollente alla droga secca; poi si lascia raffreddare per 5-10 minuti. A questo punto si filtra tramite garza senza comprimere e si beve il liquido risultante. E’ possibile usare una sola pianta o più piante mescolate tra loro. I principi attivi sono molto diluiti e l’attività terapeutica è scarsa.

Decotti

Sono ottenuti per bollitura per un tempo variabile (fino a 20 min) in acqua della droga vegetale polverizzata; poi si lascia raffreddare, si filtra tramite garza senza comprimere e si beve il liquido ottenuto. Di solito infusi, decotti e tisane devono essere bevuti al momento della preparazione o entro poche ore da essa, poiché sono facilmente deperibili; inoltre sono utilizzabili soltanto se i principi attivi o, almeno la maggior parte di essi, si sciolgono in acqua. Anche il calore dell’acqua bollente può alterare i principi attivi, diminuendo così l’efficacia del fitocomplesso.

Polveri

Si ottengono per triturazione della droga. Il loro componente prevalente è costituito dai materiali di struttura della pianta, mentre i principi attivi sono presenti in bassa concentrazione. Le polveri possono essere assunte in capsule o compresse o se possono estrarre i principi attivi con vari solventi, come l’acqua.

Estratti fluidi

Si ottengono in genere per macerazione della droga secca in un solvente apposito (di solito alcool) per determinati periodi di tempo. Possono essere utilizzati puri o comei ingredienti per sciroppi. Come tutte le forme liquide vanno assunti dopo averli diluiti in poca acqua a temperatura ambiente. Gli svantaggi dell’estratto fluido sono rappresentati dal suo elevato contenuto in alcool.

Estratti secchi

Si preparano in genere partendo dall’estratto fluido, che poi viene fatto evaporare con metodiche sofisticate, fino ad ottenere una polvere finissima, che è rappresentata in pratica solo dal fitocomplesso tipico di quella pianta. Gli estratti secchi hanno un contenuto in principi attivi più elevato degli estratti fluidi. Attualmente l’estratto secco titolato e standardizzato è considerato il prodotto fitoterapico migliore.

20/8/2009

20/8/2009

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti! Avvertenza privacy: raccomandiamo, nel postare messaggi, di prestare attenzione rischi connessi al fatto di rendersi identificabili sul web in relazione alla propria patologia. E questo anche alla luce della possibilita' che tali informazioni possano essere indicizzate dai motori di ricerca generalisti o conosciuti dalla generalita' degli utenti Internet e non dai soli iscritti al sito.

Altro su: "Preparazioni ottenute partendo da piante essiccate"

Prodotti fitoterapici per i problemi del sonno
Esistono numerosi prodotti fitoterapiici utilizzati come rimedio ai disturbi del sonno, vediamo iniseme quali.
La fitoterapia nell'anziano
Il Ginkgo, il Ginseng, la Valeriana, la Passiflora, l’Iperico, l'Arpagofito e il Carciofo sono utili per i disturbi dell'anziano.
Prodotti fitoterapici per la stipsi
Psillio, Glucomannano e Manna o Mannite sono prodotti fitoterapici che giovano alla stipsi.
Prodotti fitoterapici per la nausea e il vomito
Tra i prodotti fitoterapici, lo Zenzero è il più utilizzato in caso di nausea o di vomito.
Erbacce buone da mangiare
Domenica 24 Marzo si terrà un corso sul riconoscimento delle piante e erbe spontanee, alcuni loro utilizzi in cucina e i diversi utilizzi fitoterapici.
Fitoterapia per la cistite
Cranberry ed Uva ursina, le due droghe vegetali maggiormente utilizzate in fitoterapia contro la cistite.

MammeBio

MammeBio ti accompagna nella tua vita secondo natura.

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!